back

Intervento di Trapianto Capelli

Esempio di Trapianto capelli FUT Napoli

Descrizione tecniche trapianto capelli

Il trapianto di capelli si effettua asportando una parte dei capelli (compresa la radice) dalle zone dette donatrici ad un’altra dove la densità dei capelli è molto ridotta, o nulla, detta ricevente. La tecnica più efficace di trapianto di capelli viene effettuata con i propri capelli presi nelle aree dove essi sono presenti. Tutte le tecniche che in passato non hanno utilizzato capelli autologhi si sono rivelate un fallimento. Per questo oggi è preferibile parlare di autotrapianto. L’obiettivo della chirurgia è quello di utilizzare nel modo migliore i capelli esistenti. Le tecniche possono essere di innesti (impianti di bulbi) o di lembi (ampi trasferimenti di tessuto provvisti di capelli in aree glabre). Talvolta più tecniche possono essere combinate insieme per raggiungere il miglior risultato.
Le tecniche più utilizzate sono FUT e FUE, La differenza sta nella tecnica di prelievo delle unità follicolari.

Durata Intervento 4-6 ore

Ospedalizzazione Day Hospital

Anestesia Locale

Recupero Immediato

Informazioni Utili

Caratteristiche della tecnica FUE

“La FUE è la tecnica più adatta a me per il trapianto di capelli?”

Trapianto di capelli FUE

La caratteristica principale di un trapianto di capelli ben eseguito è quella del raggiungimento di un’attaccatura naturale e della corretta densità di capelli, senza che sia visibile nessun segno dell’intervento. Il trapianto di capelli con tecnica F.U.E ( Follicular Unit Extraction ) è in questo momento il metodo di trapianto più utilizzato al mondo in quanto è assolutamente indolore non lascia cicatrici. Con la tecnica FUE le singole unità follicolari sono estratte direttamente dallo scalpo. Con la FUE, occorre sottolinearlo, non si va incontro al rischio di avere una cicatrice lineare nella zona donatrice come con la tecnica F.U.T. ma i follicoli prelevati hanno un tasso di sopravvivenza leggermente inferiore. Inoltre la tecnica F.U.E. è consigliata per le persone che hanno un’area donante molto ridotta mentre chi ha un’area più ampia dalla quale estrarre i follicoli potrà ricorrere alla F.U.T.

La Procedura

Con la tecnica FUE i bulbi vengono prelevati uno ad uno senza lasciare nessuna cicatrice o segno visibile sempre dalla zona posteriore e laterale. Successivamente verranno innestati uno ad uno con estrema attenzione per seguire la corretta direzione della vostra capigliatura ed avere una testa perfetta e naturale. La tecnica FUE non avendo punti di sutura permette una guarigione in tempi più rapidi, tempi di degenza rapidissimi praticamente nulli ed assolutamente meno dolore post operatorio.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della tecnica FUE?

Vantaggi

Assenza di cicatrice lineare nella zona donatrice. Piccole aree alopeciche o cicatriziali da rinfoltire.

Svantaggi

Si possono prelevare un massimo di 1.500/2.000 unità follicolari al giorno a seconda dei casi. Per ottenere lo stesso risultato della tecnica STRIP (3.000 – 3.500 unità follicolari impiantate in una seduta) sono necessarie DUE sedute.
Il prelievo con i punch può danneggiare le unità follicolari contigue a quelle del prelievo.
La tecnica Fue è sconsigliata ai pazienti con capelli mossi o ricci.

Caratteristiche della tecnica FUT

“La FUT è la tecnica più adatta a me per il trapianto di capelli?”

Trapianto di capelli FUT

La tecnica FUT comporta la rimozione di una losanga di cuoio capelluto dall’area donante che nella gran maggioranza dei casi è la parte posteriore del capo. Le unità follicolari sono estratte da questa losanga con l’uso di un microscopio magnificatore. Nel fare ciò, si pone estrema attenzione a mantenere intatti i gruppi naturali di follicoli.

La Procedura

Le unità follicolari sono innestate con micro incisioni nell’area ricevente e posizionate in modo da rispettare il più possibile una forma naturale con una distribuzione esteticamente corretta dei capelli.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della tecnica FUT?

Vantaggi

Ottimizza l’area di prelievo consentendo di asportare fino ad un massimo di 4.000-5.000 unità follicolari per seduta.
Non ci sono limiti riguardo alla natura del capello (lisci, ricci, mossi o bianchi).
Il prelievo della losanga riduce al minimo il rischio di trauma delle unità follicolari prelevate.
Asportata la losanga, i margini vengono suturati e l’esito del prelievo consistono in una sottilissima cicatrice della larghezza di 1 mm che viene mascherata sotto i capelli.

Qualora ci fosse la necessità di intervenire nuovamente, la cicatrice può essere riutilizzata per i prelievi dei successivi interventi rimanendo ugualmente sottile.

Con la tecnica FUT la separazione delle unità follicolari è effettuata grazie all’utilizzo di ingranditori che permettono di rispettare la loro morfologia e conservare le guaine che le rivestono, garantendo l’attecchimento di tutte le unità follicolari inserite.

Svantaggi

Se il paziente dovesse decidere in un futuro di radersi tutti i capelli sarebbe visibile seppur piccola, la cicatrice lineare del post-intervento.

Anestesia

"Durante il trapianto ci sarà bisogno dell’anestesia?"

Per il trapianto con innesti (FUE) è sufficiente un’anestesia locale, al massimo potenziata da una sedazione per i pazienti più ansiosi, ed il paziente non necessita di ricovero. Negli interventi di espansione tissutale e con i lembi di vicinanza (FUT) può essere opportuna una anestesia generale e 1 giorno di ricovero.

Rischi e complicanze del trapianto di capelli

“A quali rischi/complicanze/fastidi vado incontro con questo intervento chirurgico?”

Le complicanze sono rare e solitamente minori. Va comunque detto che ogni individuo ha una risposta personale e difficilmente prevedibile in termini di guarigione. Oltre le complicanze generiche (valide per tutti gli interventi chirurgici), può accadere che alcuni degli innesti non attecchiscano nella nuova sede e pertanto si possono creare delle zone con un aspetto innaturale che vanno rioperate o, in caso di lembi, ci possono essere stiramenti lungo le cicatrici. Tutti i grandi fumatori vedono aumentate le percentuali di rischio in rapporto alla diminuita validità del microcircolo.

Post operatorio: dopo il trapianto di capelli

“quali saranno le attenzioni che dovrò fare nei giorni seguenti il trapianto? e per quanto sarò obbligato a queste attenzioni?”

Il post-operatorio è evidentemente legato alla complessità della procedura chirurgica effettuata. Il dolore viene in ogni caso ben controllato dalla terapia farmacologica. Se vengono usati bendaggi, essi vengono rimossi il giorno seguente all’intervento. I punti di sutura (nel caso di trapianto FUT) vengono rimossi invece da 7 a 10 giorni dopo l’atto chirurgico. I capelli possono essere lavati gentilmente alcuni giorni dopo l’operazione. Vanno evitate per 4 settimane attività sportive ed esercizi energici che possono aumentare la pressione sanguigna.

Risultato del trapianto

“cosa posso attendermi da un trapianto di capelli?”

Il trapianto capelli FUE o FUT eseguito con una tecnica mini invasiva è estremamente efficace e si ottengono risultati permanenti e soddisfacenti. Con queste procedure si hanno risultati dall’aspetto naturale che allontanano il disagio dovuto al diradamento e all’alopecia androgenetica.
La ricrescita dei capelli trapiantati avviene progressivamente ed inizia dopo tre mesi. Nei mesi successivi si osserveranno crescere altri capelli e tale condizione perdura fino al dodicesimo mese. Solo dopo un anno si può affermare che il risultato finale del trapianto è stato raggiunto. Ovviamente i capelli iniziati a crescere il terzo mese avranno circa 9 centimetri dopo un anno dalla chirurgia.
Ci saranno dei ritocchi da effettuare?
Può essere necessario molto spesso, alla fine del trattamento, effettuare delle piccole procedure cosmetiche per rendere più naturale e migliore il risultato rimuovendo le piccole irregolarità. Questi ritocchi, che fanno parte integrante del trattamento, vanno sempre e comunque effettuate a guarigione consolidata.

Alcune domande frequenti

Bisogna radere la testa prima di sottoporsi al trapianto di capelli?

Si consiglia sempre di radere i capelli per ottimizzare il risultato. In alcuni tipi di calvizie (ad esempio per correggere le stempiature troppo profonde) non è necessario radere la zona ricevente. Nella maggioranza dei trapianti femminili, non viene rasata la testa perché può esserci un disagio temporaneo della paziente.

Richiedi appuntamento