back

Intervento di Addominoplastica Napoli

Addominoplastica Napoli

Descrizione Addominoplastica

L’intervento di addominoplastica viene eseguito per eliminare l’eccedenza di cute e tessuto adiposo sottocutaneo, che può produrre alcuni evidenti inestetismi, quali pieghe e ondulazioni della pelle, o addirittura, nei casi più accentuati, un vero e proprio grembiule che ricopre la regione pubica.

L’addominoplastica consiste nell’asportazione dell’eccesso di pelle e conferisce all’addome un aspetto più gradevole e naturale. Possono essere eliminati i disturbi presenti nei casi più accentuati, quali la dermatite, che spesso si verifica a livello delle pieghe inguinali, e la difficoltà nei movimenti o nella scelta degli indumenti. All’asportazione della cute può essere associata, quando opportuna, la riduzione dell’eccesso adiposo presente ai fianchi mediante tecnica di lipoaspirazione.

Nel caso coesista l’allontanamento (diastasi) dei muscoli retti (i muscoli verticali presenti al centro del nostro addome) ad esempio in seguito a gravidanze, può essere eseguita la loro plastica sulla linea mediana. Qualora siano presenti delle ernie causate da cedimenti della parete addominale, devono essere riparate nel corso dell’intervento di addominoplastica e se di dimensioni considerevoli può essere utilizzata una rete

 

 

Durata Intervento 2-3 ore

Ospedalizzazione 1-2 giorni

Anestesia Generale

Recupero 7 giorni

Esempi di Prima e Dopo

Informazioni Utili

Per chi è indicata l’addominoplastica

“Sono una paziente adatta per un intervento di addominoplastica?”

Le caratteristiche della paziente adatta a questa procedura sono le seguenti:

  • Eccesso di cute addominale
  • Eccesso di adipe addominale
  • Addome gonfio per diastasi dei muscoli retti dell’addome

La visita preliminare

In che consiste la visita preliminare per l’addominoplastica?

La visita preliminare per l’addominoplastica consiste nella valutazione da parte del Dott. Domenico Campa di ciò di cui ha bisogno la paziente. Nel corso della visita dovrà valutare la quantità e la localizzazione dei depositi di grasso presenti nell’addome, l’elasticità della cute, l’eventuale eccesso di pelle e la tonicità dei muscoli della parete addominale, illustrando gli obiettivi e i risultati estetici che è possibile ottenere. Una giusta consapevolezza costituisce un aspetto importante del processo ed un’accurata pianificazione dell’intervento ne garantisce il successo e la piena soddisfazione della paziente.

L’intervento di addominoplastica

“cosa mi succederà durante l’intervento di addominoplastica?”

L’addominoplastica viene eseguita in anestesia generale. L’intervento di addominoplastica inizia con le incisioni orizzontali che permettono di rimuovere la porzione di tessuto cutaneo in eccesso. Segue uno scollamento della pelle per permettere di unire i lembi residui e quindi produrre una zona addominale tonica. La durata media dell’intervento è di circa 1 ora e mezza. Viene, inoltre, correttamente riposizionato l’ombelico. L’intervento è poco doloroso e termina con una medicazione compressiva.

Il lifting addominale può inoltre comprendere un rassodamento dei muscoli retti addominali conseguito attraverso un sistema di suture specifiche.

Le lembi formati dalle incisioni orizzontali, una volta suturati insieme, formeranno la tipica cicatrice lunga posizionata in sede sovra pubica generalmente occultabile nei normali indumenti intimi.

L'anestesia

Che tipo di anestesia è prevista per l’intervento di addominoplastica?

La scelta del tipo di anestesia dipende dal singolo caso clinico e dalla tecnica prescelta. L’intervento viene eseguito in anestesia generale o, nei casi di minor impegno, in anestesia peridurale oppure in anestesia locale e sedazione. A questo proposito avrà luogo uno specifico colloquio con il Medico Anestesista.

Post operatorio: dopo l’addominoplastica

“quali saranno le attenzioni che dovrò fare nei giorni seguenti l’addominoplastica? e per quanto sarò obbligata a queste attenzioni?”

È opportuno indossare una guaina compressiva per circa 4 settimane dopo l’operazione. Nelle 24-48 ore successive all’intervento di addominoplastica, il paziente resterà ricoverato e a riposo, ma deambulerà sin da subito. E’ richiesto un riposo di 7-10 giorni a casa, riprendendo gradualmente le attività quotidiane e ritornando man mano ad una vita normale, evitando per alcuni giorni attività faticose, saune e bagni turchi. Tossire, starnutire, ridere ed altre attività che impegnano i muscoli addominali potranno procurare fastidio per i primi giorni, così come è normale avere una postura piegata in avanti per qualche giorno.
Dopo 7-10 giorni è generalmente possibile riprendere la propria attività lavorativa, se non eccessivamente faticosa. Tutte le normali attività compresa quella sportiva possono essere riprese dopo circa 4 settimane. I risultati di questo intervento sono generalmente molto buoni. Se si avrà l’accortezza di seguire una dieta bilanciata e di fare esercizio fisico regolarmente, essi saranno praticamente permanenti.

Rischi E Complicanze

Quali sono le possibili complicazioni in un intervento di addominoplastica?

Qualsiasi procedura chirurgica, per quanto di modesta entità ed eseguita su pazienti in buone condizioni generali, comporta la non prevedibile possibilità di complicazioni generali. Statisticamente si può affermare che in persone in buone condizioni generali, i cui esami clinici preoperatori non dimostrino alterazioni significative, l’insorgenza di complicazioni gravi o gravissime è rara. Al pari di ogni altro tipo di intervento chirurgico l’addominoplastica può dare luogo a complicazioni sia anestesiologiche (che verranno discusse durante il colloquio con il Medico Anestesista) che post chirurgiche generali o specifiche.

Quelle specifiche possono riguardare l’apertura di punti limitata. La produzione di siero (frequente ma non desta preoccupazioni e guarisce da sola in pochi giorni). Una cicatrice alta (molto rara può essere corretta in anestesia locale in pochi minuti) o sanguinamento (è importante dormire in clinica ed evitare gli sforzi). Ricordiamo che comunque le rare complicazioni sono tutte facilmente gestibili.

Le alternative all'addominoplastica chirurgica

Esistono metodi alternativi all’addominoplastica?

Non esistono alternative di addominiplastica non chirurgica per la riduzione dell’eccesso adiposo e cutaneo della parete addominale. Tecniche opzionali di addominoplastica sono l’addominoplastica verticale (la rimozione dell’eccesso è trasversale con cicatrice verticale xifo-pubica) e l’addominoplastica invertita (la rimozione dell’eccesso, localizzato prevalentemente sopra l’ombelico, avviene con un’incisione a livello sottomammario).

Addominoplastica napoli

La storia di Raffaella

Raffaella è una giovane mamma che non è riuscita più a dare tonicità al suo addome. I muscoli retti sono…

continua a leggere

Alcune domande frequenti

Resteranno cicatrici dopo un’addominoplastica?

L’intervento di addominoplastica verrà eseguito a regola d’arte senza produrre una eccessiva trazione dei lembi cutanei e con una sutura degli stessi per piani e attenta nel ridurre la trazione a carico del derma superficiale. Ciò consentirà di ottenere una cicatrice che negli anni si tradurrà in una linea sottilissima

Leggi gli articoli sull’argomento

Richiedi appuntamento