back

Interventi di correzione della Mammella Tuberosa Napoli

correzione mammella tuberosa napoli

Descrizione interventi

Per mammella tuberosa si intende una malformazione congenita a carico della ghiandola mammaria, caratterizzata da un mancato o incompleto sviluppo della ghiandola, particolarmente evidente nei quadranti inferiori, che da’ al seno un aspetto allungato e pendente che assomiglia ad un tubero.
Non si conosce ancora la causa di questo fenomeno, che compare in maniera sporadica, cioè senza una famigliarità specifica.

Ad ogni modo, la caratteristica distintiva è la presenza di una banda fibrosa che “stringe” la mammella, non consentendo il naturale sviluppo del seno su tutto l’ambito toracico. Il risultato è quello di un seno a base di impianto innaturalmente molto stretta, e tutto sviluppato verso il basso.
Tipicamente, le mammelle sono asimmetriche e spesso una più voluminosa dell’altra.

Tale deformità causa nella paziente un disagio fisico e soprattutto psicologico notevolissimo, per le difficoltà relazionali e dell’accettazione dell’immagine di sé.

Informazioni Utili

Per chi è indicata la correzione della mammella tuberosa

“Sono una paziente adatta per un intervento di correzione della mammella tuberosa?”

La mastoplastica correttiva per mammella tuberosa è indicata nei casi di malformazione della ghiandola mammaria. La malformazione riguarda la ghiandola mammaria, che nel suo sviluppo non “cresce” regolarmente, che ernia letteralmente attraverso una banda fibrosa conica sottocutanea facendo si che la ghiandola invece di avere una espansione in tutte le direzioni , abbia invece un aspetto allungato in senso anteroposteriore con areole slargate.. La mammella o le mammelle (la malformazione può essere mono o bilaterale) è quindi allungata, con una base di impianto al torace molto stretta; di norma le mammelle tuberose sono anche piccole in volume e tendenzialmente cadenti – ptosiche. Spesso le areole sono eccessivamente larghe.

Nei casi più gravi la ghiandola è talmente piccola che consiste in un piccolo “bottoncino” localizzato sotto l’areola. La mammella tuberosa può costituire motivo di serio imbarazzo, limitando notevolmente la paziente nella sua vita quotidiana, oltre a ostacolare talvolta anche l’allattamento.

Il problema di presenta nella donna già in età adolescenziale, cioè ai primi segnali di crescita della ghiandola durante la pubertà. Questa condizione, può essere corretta solo a mezzo di un intervento chirurgico. E’ un errore inserire solo le protesi pensando che così si corregga anche la tuberosità ed il risultato di una mastoplastica additiva senza la correzione della malformazione sara’ una mammella disarmonica che vista di lato, nella parte inferiore avrà un evidente doppio profilo. Possono essere impiantate le protesi ma deve essere contestualmente effettuata l’espansione ghiandolare adeguatamente per avere un risultato soddisfacente.

La visita preliminare

In che consiste la visita preliminare per la mastoplastica correttiva della mammella tuberosa?

La visita preliminare per la mastoplastica correttiva della mammella tuberosa consiste nella valutazione da parte del Dott. Domenico Campa di ciò di cui ha bisogno la paziente. E’ molto importante cercare di capire quali sono i desideri di chi si sottopone a tale intervento, offrire consigli e spiegare il procedimento che verrà utilizzato nonché il tipo di protesi e cosa aspettarsi nei mesi successivi. Una giusta consapevolezza costituisce un aspetto importante del processo ed un’accurata pianificazione dell’intervento ne garantisce il successo e la piena soddisfazione della paziente.

L’intervento di mastoplastica correttiva della mammella tuberosa

“cosa mi succederà durante l’intervento di mastoplastica correttiva della mammella tuberosa?”

Si tratta di un intervento non complesso ma che richiede una buona esperienza per correggere tutte le componenti implicate nella malformazione. Oltre alla correzione della asimmetria, è necessario ristabilire la normale posizione, e la proiezione del cono mammario, aumentandone la larghezza e correggendo le anomalie del complesso areola-capezzolo.

Spesso e’ necessario considerare un approccio periareolare che consente di normalizzare il diametro dell’areola, lo sbrigliamento delle fibre retraenti e le aderenze ghiandolari, ed infine posizionare delle protesi mammarie di volume adeguato che consentano di espandere bene i poli inferiori. L’intervento può essere eseguito a partire dai 18 anni di età, in regime di Day Surgery, in anestesia generale o di sedazione profonda, previa esecuzione di alcuni esami, quali l’ecografia mammaria.

Post operatorio: dopo la mastoplastica correttiva

“quali le attenzioni che dovrò tenere nei giorni seguenti l'intervento? e per quanto sarò obbligata a queste attenzioni?”

Gli enormi progressi nel campo della chirurgia estetica consentono di effettuare la mastoplastica correttiva della mammella tuberosa senza grossi traumi e consentendo recuperi molto celeri. Le pazienti generalmente non lamentano dolore subito dopo l’intervento e sono libere di tornare a casa entro poche ore.

Dopo la prima medicazione la paziente indosserà un reggiseno conformato per 4 settimane. Le prime due giorno e notte, le seconde 2 soltanto di giorno.

L’eventuale dolore post-operatorio (mai eccessivo) viene ben controllato da farmaci anti dolorifici e generalmente tende a scomparire dopo 24-48 ore.

Nell’immediato post-operatorio il seno sembrerà ancora più grande di quanto non sia in realtà per l’importante edema (gonfiore) presente, che tenderà gradualmente a ridursi nel corso delle settimane. Almeno 6 ne occorreranno attendere prima di vedere il nuovo seno in condizioni normali ed almeno tre mesi bisognerà aspettare prima di sentirlo sufficientemente morbido.

I tipi di protesi utilizzati nella mastoplastica correttiva della mammella tuberosa

“come posso scegliere la protesi più sicura ed adatta a me?”

La scelta della protesi deve essere fatta considerando le aspettative della paziente, le caratteristiche anatomiche specifiche e l’anamnesi generale.

Le protesi mammarie sono disponibili in ampia varietà in modo da accontentare le singole richieste delle pazienti. Si differenziano quindi in forma, volume e proiezione e consistenza del gel.

Il Dott. Domenico Campa utilizza solo protesi top di gamma come ad esempio quelle Allergan o Mentor. Esistono anche protesi con microchip elettronico della Motiva. Sono quelle impiegate sia per gli interventi ad esclusiva finalità estetica sia per la ricostruzione mammaria post mastectomia. L’ affidabilità delle stesse è stata approvata dalla FDA americana ed è accettata all’unisono dalla comunità scientifica.
La forma delle protesi mammarie può essere rotonda oppure a goccia (anatomiche). Le protesi vengono prodotte in una vastissima scala di misure e con diversi profili di rilievo. La loro superficie esterna può essere liscia oppure ruvida (testurizzata). Esistono protesi lisce, micro testurizzate e nano testurizzate. La superficie delle protesi ruvide ha una rifinitura unica: è composta da pori irregolari, di struttura ad effetto naturale. Questi, tenendola stabilmente in posizione, aiutano la protesi ad attaccarsi bene ai tessuti circostanti, contribuendo in questo modo a ridurre il rischio dell’incidenza del fenomeno della contrattura capsulare.

Grazie a queste caratteristiche tecniche, la paziente può vivere in maniera molto più tranquilla il periodo del post operatorio, durante il quale l’impianto si adatta al corpo.

I tempi di ripresa

“quanto dovrò aspettare prima di riprendere le normali attività dopo un intervento di mastoplastica correttiva della mammella tuberosa?”

Generalmente dopo 3 giorni si é tranquillamente in grado di riprendere lavori d’ufficio o lavori che non comportino particolari sforzi fisici. Vietato guidare e fare sforzi di ogni tipo con gli arti superiori (braccia) per circa 7 giorni, a seguire si provvederà ad una progressiva ripresa della propria vita sociale.

Rischi E Complicanze

"Quali sono le possibili complicazioni in un intervento di mastoplastica correttiva della mammella tuberosa?"

Qualsiasi procedura chirurgica, per quanto di modesta entità ed eseguita su pazienti in buone condizioni generali, comporta la non prevedibile possibilità di complicazioni generali. Statisticamente si può affermare che in persone in buone condizioni generali, i cui esami clinici preoperatori non dimostrino alterazioni significative, l’insorgenza di complicazioni gravi o gravissime è rara. Al pari di ogni altro tipo di intervento chirurgico la mastoplastica correttiva può dare luogo a complicazioni sia anestesiologiche (che verranno discusse durante il colloquio con il Medico Anestesista) che post chirurgiche generali o specifiche. La più comune complicanza specifica è la contrattura capsulare. Bisogna dire che con l’avvento degli ultimi dispositivi protesici, ed alle nuove accortezze in sede di incisione, tale evenienza si verifica molto raramente. Complicanze specifiche sono il doppio profilo per incompleta correzione. Ricordiamo che comunque le rare complicazioni sono tutte facilmente gestibili.

È infine necessario spiegare che spesso per ottenere l’aspetto definitivo del polo inferiore e’ necessario attendere 1-2 mesi in più rispetto alla mastoplastica additiva semplice.

Mastoplastica additiva e mammella tuberosa

La storia di Nicole

Nicole presentava una malformazione mammaria molto comune: la mammella tuberosa. Questo tipo di inestetismo (detto anche snoopy breast) crea molto…

continua a leggere

Alcune domande frequenti

Resteranno cicatrici dopo una mastoplastica correttiva?

Le cicatrici provenienti dall’intervento di mastoplastica correttiva della mammella tuberosa sono poco visibili, perché situate in pieghe naturali (solchi sottomammari) o in corrispondenza delle areole mammarie. Generalmente la loro visibilità diminuisce con il tempo.

Leggi gli articoli sull’argomento

mastoplastica additiva dual plane napoli campa

Mastoplastica Additiva: che vuol dire Dual Plane?

La mastoplastica additiva si è evoluta moltissimo negli ultimi anni, per soddisfare le richieste sempre più esigenti delle pazienti. L'inserimento delle protesi al di…

Pubblicazioni
Richiedi appuntamento